Get Adobe Flash player

Ultime Immagini

Il momento dell'assaggioUltimi preparativi per la cerimoniaResponsabili del pozzoPozzo e lavatoio

Guarda le statistiche!

Accesso utente

Associazione senza fine di lucro volta alla realizzazione di opere umanitarie in memoria di Marco Di Martino

Versione stampabileSend by emailPDF version

Il progetto rientra negli obiettivi dell’OMS per la lotta all’AIDS.

La prima fase che prevedeva la mappatura dei pazienti a rischio di bassa aderenza agli antiretrovirali è stata condotta negli ultimi mesi del 2008.

In seguito ai risultati acquisiti l’OMS ha deciso di appoggiare un secondo progetto per assicurare l’assistenza, la prevenzione della resistenza agli antiretrovirali,l’appoggio agli orfani a causa dell’HIV, la creazione di centri diagnostici mobili itineranti e una rete di telemedicina.

Nel reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale di Pescara sono stati effettuati stages di aggiornamento per il personale sanitario dell’Ospedale di Lubango, altri eventi  formativi si sono tenuti presso l’Ospedale di Lubango.

Il progetto è realizzato in collaborazione con:

  • OMS
  • Dipartimento della Salute della Provincia della Huila
  • Ass.Showa Gaspar di Lubango
  • Reparto M. Infettive Ospedale di Pescara

 

Alla fine del 2010 erano state sensibilizzate 13.840 persone, distribuiti circa 100.000 profilattici ed altrettanti volantini informativi.

I temi affrontati nelle attivitá di sensibilizzazione e prevenzione erano

  • Informazioni generali sull’HIV/AID
  • Forme di trasmissione
  • Forme di prevenzione
  • Stigma e Discriminazione

Nel corso di tali attivitá si sono sottoposte volontariamente il test 6.673 persone con un tasso di positività dello 0.72%.

Un momento dello screening.

L'esperienza maturata ed i risultati ottenuti ci stimolano a continuare ed estendere il progetto sia ad altre problematiche sanitarie che ad altre comunità con l'intendo di:

  • coinvolgere tutti i municipi della Provincia
  • focalizzare l’attenzione sulle donne gravide
  • prestare maggior attenzione agli aspetti psico-sociali che caratterizzano i comportamenti delle persone affette da HIV
  • migliorare il sistema di telemedicina già utilizzato con l'obiettivo di collegare tutti  i centri sparsi nei vari municipi che dispongano delle risorse informatiche necessarie al fine di poter "accompagnare il percorso terapeutico", archiviare i dati, valutare i risultati.