Get Adobe Flash player

Ultime Immagini

Il momento dell'assaggioUltimi preparativi per la cerimoniaResponsabili del pozzoPozzo e lavatoio

Guarda le statistiche!

Accesso utente

Associazione senza fine di lucro volta alla realizzazione di opere umanitarie in memoria di Marco Di Martino

Versione stampabileSend by emailPDF version

zoonosiSi tratta di un progetto integrato di sanità pubblica veterinaria che interesserà le Province Angolane della Huila e di Namibe, aventi in totale una popolazione di, circa 3,5 milioni di persone e circa 1,7 milioni di capi bovini.

L’obiettivo è rappresentato dal miglioramento della salute pubblica mediante la riduzione delle zoonosi e delle tossinfezioni alimentari attraverso il controllo delle carni e dei suoi derivati, sia importati che prodotti in Angola, il miglioramento igienico-sanitario delle fasi di macellazione nei mattatoi municipali e di conservazione, trasporto e vendita delle carni.

Nessuna azione veterinaria, finalizzata al miglioramento dello stato sanitario delle popolazioni animali o al miglioramento igienico-sanitario degli alimenti da loro derivati, può essere intrapresa se non è presente e funzionante un sistema di identificazione e tracciabilità  degli animali e un sistema informatico che gestisca queste ultime.

Per tale motivo il progetto prevede il censimento, l’identificazione individuale e la tracciabilità  dei capi bovini delle 2 province e la fornitura di un sistema informatico che gestisca tale attività.

Come sempre la formazione e la sensibilizzazione del personale avranno un ruolo preponderante nel progetto.

Al  progetto della durata di 3 anni parteciperanno:

  • Provincia della Huila;
  • Provincia di Namibe;
  • Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise "G. Caporale", Teramo;
  • Associazione Marco Di Martino, Pescara.

  

LE ATTIVITÁ

 

1 - ANAGRAFE BOVINA

Queste le attività contemplate nel progetto:

  • In una prima fase sarà realizzato un progetto pilota in due aree (una per ogni provincia) per mettere a punto il meccanismo di identificazione e verificare il software di gestione.
  • Sulla base dei dati e delle esperienze acquisite durante il progetto pilota, sarà realizzata l’anagrafe generale di tutto il patrimonio bovino delle due province.

Per effettuare l’identificazione dell’intera popolazione bovina saranno create 4 squadre, i cui responsabili saranno preventivamente formati dagli esperti dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale” (IZSAM). I quattro tecnici angolani a loro volta svolgeranno le funzioni di formatori per il resto del personale tecnico coinvolto nell’attività.

Un software, per la gestione dei dati dell’anagrafe bovina, sarà creato ad hoc dai tecnici dell’IZSAM. Per assicurare una buona gestione dello stesso, due tecnici angolani riceveranno una formazione di tre mesi in Italia, inoltre un tecnico dell’IZSAM garantirà, con missioni periodiche in Angola, che le attività in tale ambito siano svolte correttamente.

 

2 - SANITA’ ANIMALE E CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DEGLI ALIMENTI D’ ORIGINE ANIMALE

Un vecchio laboratorio situato nella città di Namibe sarà riabilitato e attrezzato in modo da poter svolgere prove diagnostiche necessarie per accertare lo stato sanitario degli animali e per eseguire controlli igienico-sanitari su carni ed alimenti di origine animale, sia prodotti in Angola che importati e  destinati all’alimentazione umana.

Nella provincia della Huila, dove già esiste un laboratorio, il progetto si limiterà a fornire reagenti e/o attrezzature mancanti.

Per assicurare standard qualitativi elevati, sarà svolto, presso l’IZSAM,  un ampio programma di formazione di personale veterinario e tecnico .

La formazione comprenderà il seguente personale operante sotto indicate aree:

  • 2 veterinari e 2 tecnici per ogni Provincia su prove di laboratorio per il controllo igienico-sanitario degli alimenti;
  • 2 veterinari e 2 tecnici per ogni Provincia sull’ispezione degli alimenti nei porti, aeroporti e mattatoi;
  • 1 veterinario e 1 tecnico, per ogni Provincia su prove di laboratorio riguardanti la diagnosi  diretta e indiretta delle malattie animali;
  • 2 veterinari e 2 tecnici, per ogni Provincia su metodi di laboratorio riguardanti la Microbiologia Diagnostica, Batteriologia Speciale e Biologia Molecolare.

Ogni periodo formativo avrà una durata di 3 mesi.

 

3 - MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI MACELLAZIONE, CONSERVAZIONE E DISTRIBUZIONE DELLE CARNI

I diciannove mattatoi municipali delle due province Angolane saranno oggetto di approfondito studio da parte di esperti dell’IZSAM al termine del quale, saranno proposte ai servizi veterinari Angolani le azioni da svolgere per il miglioramento dello stato igienico-sanitario degli stessi. Tale attività porterà alla ristrutturazione/costruzione di tutti i mattatoi municipali. 

Inoltre, per fare in modo che la catena di distribuzione delle carni rispetti le regole previste per la salvaguardia della salute pubblica, sono previste le seguenti attività:

  • Predisporre nei mattatoi una cella frigorifera per la conservazione delle carcasse degli animali macellati.
  • Acquistare 6 camion frigoriferi per fare in modo che la distribuzione delle carni avvenga in condizioni igieniche adeguate.
  • Sensibilizzare le amministrazioni municipali sull’importanza dell’igiene nei mattatoi, nel trasporto e nei luoghi di vendita delle carni e sull’importanza dei controlli veterinari su tutte le fasi sopra descritte.

A tale scopo saranno svolte, nell’ambito del progetto, le seguenti attività:

  • Formare il personale che opera nei mattatoi;
  • Formare 2 veterinari e 2 tecnici per ogni provincia sulle modalità di controllo della catena di distribuzione delle carni;
  • Formare i venditori di carne sulle norme igieniche da rispettare nei luoghi di vendita e sull’importanza dell’igiene per la salute pubblica;
  • Realizzare opere di miglioria nelle macellerie site nei mercati dei municipi delle due province.
  • Predisporre uno stampato contenente le indicazioni sulle norme igieniche da rispettare nei luoghi di vendita delle carni.

Aggiornato 29 agosto 2013.

 

Dicembre 2013

Nel corso della visita della delegazione in Angola sono stati firmati gli accordi per l'inizio del progetto.

 12 Luglio 2014

Il progetto ha avuto inizio alla presenza delle più alte autorità locali tra cui il Ministro dell’Agricoltura dello Sviluppo Rurale e della Pesca della Repubblica dell’Angola, Afonso Pedro Canga, Il Governatore della Provincia della Huìla, João Marcelino Tyipinge, e il Direttore dei Servizi Veterinari angolani, Antonio José.

Il Ministro Afonso Pedro Canga ha sollecitato gli amministratori delle Provincie confinanti (Namibe, Cunene, Cuando Cubango e Benguela) a prender parte al progetto per poi estenderlo all’intero territorio della Repubblica dell’Angola, definendolo: “strategico per la nazione, avendo tra i suoi obiettivi il miglioramento della salute pubblica attraverso la lotta alle zoonosi e la riduzione delle tossinfezioni alimentari”.

Il progetto, che si inserisce nell’accordo di collaborazione tecnico-scientifica sottoscritto dal Governatore della Huìla e dalla Regione Abruzzo nel 2010, sarà interamente finanziato dall’Angola con circa 7 milioni di dollari.

 

Il 21 luglio, in occasione della sua visita in Angola, il progetto è stato presentato al Presidente del Consiglio Matteo Renzi dal Ministro dell’Agricoltura Afonso Pedro Canga, che ribadendo la caratteristica strategica del progetto   ha manifestato la volontà di attivare un accordo tra il suo Ministero e il Ministero della Salute italiano.

 

 Ai primi di novembre 2014 il progetto è entarto nella fase operativa in Angola.

 A marzo 2015 due veterinari angolani hanno iniziato il periodo di formazione presso l'Istituto Zooprofilattico di Teramo.

 

aggiornato marzo 2015

 

 

 

.